Background game scene

6 domande al responsabile marketing di Amazon Games

12-mag-2022

Abbiamo incontrato Sarah Anderson, direttore marketing globale e partnership del gruppo editoriale di Amazon Games per scoprire qualche segreto sull’approccio lavorativo di Amazon Games e come il suo gruppo sta lavorando per ampliare la community e costruire relazioni con il pubblico di giocatori di Amazon di tutto il mondo.

Sarah, qual è il tuo ruolo in Amazon Games?

Sono responsabile marketing e partnership globale di Amazon Games sia per i giochi sviluppati all’interno dell’azienda che per quelli realizzati da studi esterni. Ciò che mi rende più orgogliosa è la possibilità di poter guidare un team marketing incredibile capace di 1) aiutare i nostri sviluppatori e partner a relazionarsi con i giocatori e comprendere i nostri clienti 2) sviluppare campagne di marketing innovative per attrarre più persone e coinvolgere le community dentro e fuori dai nostri giochi.

Già dalle primissime fasi, il nostro team lavora quotidianamente a stretto contatto con i nostri sviluppatori per aiutarli a comprendere e costruire un rapporto duraturo tra i nostri giochi e i giocatori in tutto il mondo. Questo lavoro viene svolto in diversi modi, che possono includono la ricerca di pubblico globale, l’esecuzione di test di usabilità e accessibilità, l’analisi delle motivazioni dei giocatori, e, soprattutto, la condivisione del feedback fornito dai nostri giocatori.

Negli ultimi anni, Amazon e, soprattutto, i suoi gruppo e brand di intrattenimento, sono cresciuti fino a diventare una famiglia eccezionale di servizi interconnessi che offrono ai giocatori, spettatori, ascoltatori e altri clienti, contenuti innovativi. L’obiettivo di Amazon Games è quello di offrire servizi e contenuti innovativi della massima qualità ai nostri giocatori. Il mio team lancia sul mercato prodotti straordinari e ci impegniamo e divertiamo molto affinché anche i nostri giocatori se ne innamorino e li facciano conoscere anche ai loro amici!

Cosa rende il team marketing di Amazon Games diverso da quello delle altre aziende con cui hai lavorato? Perché hai deciso di intraprendere una carriera ad Amazon?

Prima di tutto, l’insieme di persone creative, brillanti e impegnate che lavorano ad Amazon è qualcosa di unico. Quando prendi un gruppo così variegato, composto da persone provenienti da diversi Paesi e con background diversi, e gli concedi la libertà di essere innovativo e il potere di cercare nuovi modi creativi di sfruttare le risorse all’interno di Amazon, da Prime Gaming e Amazon Games a Twitch, ti ritrovi un team che si mette continuamente in gioco, si spinge oltre i limiti e riesce ad adottare nuovi modi di connettersi e offrire i propri servizi ai giocatori. Siamo estremamente fortunati di possedere le risorse giuste per trasformare le grandi idee in realtà.

Ci sono più ragioni per cui ho deciso di unirmi ad Amazon Games. Oltre agli aspetti che ho appena menzionato, è stato in parte anche dovuto a un collega. In precedenza, avevo lavorato insieme a Christoph Hartmann, vice presidente di Amazon Games, quando eravamo entrambi dipendenti di 2K Games. In quel periodo, ho potuto collaborare con lui alla realizzazione di grandi IP, molte delle quali sono diventati franchise duraturi, e alla costruzione di una società editoriale. Ora, sta facendo la stessa cosa ad Amazon Games, con la creazione di un team eterogeneo incredibile. Qui ad Amazon Games, siamo in grado di sfruttare le risorse della nostra azienda per offrire grande intrattenimento ai giocatori. Amazon ci incoraggia a innovarci, rischiare, apprendere e, soprattutto, a mettere sempre al centro il cliente! Unirmi a Christoph e a questo fantastico team è stata la decisione più naturale di tutta la mia carriera.

Durante la tua permanenza ad Amazon Games, quali sono stati i progetti che hai intrapreso di cui vai maggiormente fiera?

Mi sono concentrata molto sull’obiettivo di costruire il team. Ora abbiamo un team creativo in-house che ha supportato partner e realizzato grandi progetti. Abbiamo anche formato un team di ricerca utenti per avere un feedback continuo dai nostri giocatori. In termini di campagne, il team ha lavorato su vari canali a tante iniziative di marketing di successo. Per una di queste, siamo stati in grado di creare e lanciare un programma innovativo per New World chiamato la “Battaglia per New World.”Piuttosto che focalizzarci sui giocatori potenziali, abbiamo sviluppato questo programma per accrescere il coinvolgimento e la competizione dei creatori. Volevamo ispirarli a creare e ampliare la community di New World grazie al pubblico di Twitch. È stato un vero successo.

Forti del successo ottenuto con il programma per New World abbiamo deciso di creare un programma globale simile chiamato le “Leggende di Lost Ark” per il lancio recente del gioco Lost Ark che abbiamo pubblicato in collaborazione con Smilegate RPG. Per fornirti un paio di dati, Lost Ark su Twitch ha raccolto 1,2 milioni di spettatori nel giorno del lancio e, al 25 marzo, aveva registrato oltre 158 milioni di ore guardate su Twitch. Questo è stato solo l’inizio e abbiamo molti altri progetti in mente per queste community, che ora, oltre ad Amazon Games, comprendono Twitch e Prime Gaming.

Nel complesso, sono orgogliosa della società editoriale e del team eccezionale che abbiamo costruito insieme. Oltre a crescere come editore di giochi di alto livello, il team ha garantito un’eccellenza operativa. Potrebbe sembrare facile ma non è così. Oltre ai nostri titoli, siamo impegnati nello sviluppo di IP originali Amazon; ciò significa che collaboreremo con i team di talento di Amazon Studios, Prime Video, Amazon Music, Twitch, Prime Gaming e altri. Inoltre, stiamo espandendo rapidamente i nostri team e processi aziendali. Il solo team di marketing globale è più che raddoppiato da quando sono arrivata qui e siamo ancora alla ricerca di talenti!

Quali cambiamenti hai riscontrato nell’azienda e nel settore videoludico da quando sei arrivata ad Amazon Games, due anni e mezzo fa?  Cosa vedi nel futuro?

Tra i tanti momenti di crescita, da quando sono qui, il nostro team è stato inserito nel gruppo Global Media & Entertainment di Amazon. Questo è stato un evento importante per varie ragioni. Primo, perché significa che la nostra idea di sviluppare IP attraverso vari generi e mezzi è diventato l’obiettivo principale di Amazon Games. Grandi IP possono nascere da un film, un videogioco, un libro che diventa un videogioco o da un artista musicale che diventa un videogioco e poi uno spettacolo, e così via. Qui, quasi tutto è possibile. E questo approccio comporta anche che Amazon Games ora si impegni a lavorare con tutti gli altri dipartimenti di sviluppo e distribuzione di contenuti di Amazon. Oltre, ovviamente, ad Amazon.com e AWS, ci sono anche Prime Gaming, Crown Channel, Luna, Twitch, Amazon Studios, Amazon Prime Video, Amazon Music e tanti altri. “Sinergia” sarà anche un’espressione abusata, ma lavorare a così stretto contatto ha un effetto straordinario sullo sviluppo della creatività e la conseguente ideazione di nuovi prodotti e servizi da condividere con i nostri giocatori.

A proposito di settore videoludico in generale, ho assistito a un forte consolidamento, suffragato dalle numerose acquisizioni di grandi aziende e brand concluse di recente. Vedendo tutti questi grandi cambiamenti, la mia speranza è che il settore videoludico non dimentichi mai che al centro dev’essere sempre posto il giocatore.

Un altro importante passo in avanti che ha compiuto il settore videoludico è stato quello di promuovere la consapevolezza sui temi della diversità e il desiderio di cambiamento. Negli ultimi anni, ho assistito a una forte evoluzione in tal senso. Ho visto sempre più riflettori puntati sugli attori che assumono un comportamento irrispettoso, e questo rappresenta un passo importante verso il cambiamento. Quando sono arrivata qui ad Amazon, ho subito avvertito un atteggiamento di tolleranza zero per qualsiasi forma di energia negativa. Vogliamo offrire a tutti i nostri dipendenti, colleghi del settore e giocatori un ambiente sicuro! C’è ancora molto lavoro da fare come azienda, ma sono certa che abbiamo intrapreso la strada giusta verso la creazione di un futuro migliore.

Infine, vorrei tornare a sottolineare l’importanza di creare IP e brand, dato che noi e il settore in generale siamo indirizzati verso lo sviluppo di giochi come servizio. Adottando questo tipo di approccio, ci mettiamo nella condizione di poter costruire un rapporto continuo e duraturo tra noi sviluppatori ed editori e i nostri giocatori. È questo il nostro obiettivo a lungo termine e per raggiungerlo, dobbiamo guadagnare la fiducia dei nostri giocatori ed evolvere insieme a loro. L’obiettivo di sviluppare IP più grandi e avvincenti si tradurrà in un business a lungo termine per Amazon Games, nonché in una community fedele e riconoscente e in un’esperienza di gioco inedita per i nostri giocatori.

Come il successo di New World e Lost Ark vi ha aperto gli occhi verso nuove opportunità per Amazon Games?

Attraverso il rilascio di un paio di grandi titoli, abbiamo dimostrato al settore videoludico e a noi stessi che il nostro team sa come lanciare grandi giochi e farli conoscere ai giocatori. Abbiamo imparato l’importanza di nutrire la community e l’IP. Ogni società videoludica vorrebbe espandere la durata di vita dei propri giochi da un paio di anni a un decennio. Se da un lato crediamo di essere sulla strada giusta e siamo orgogliosi delle nostre vittorie, dall’altro non smettiamo mai di imparare e farci domande, e non ci riteniamo mai completamente soddisfatti.

Infine, come ho detto prima, il nostro più grande punto di forza continuerà ad essere quello di poter avere una serie di brand e servizi gestiti da Amazon Games e Amazon, che ci consente di costruire e sviluppare giochi in un modo unico in grado di esaltare la filosofia di crescita sia di Amazon che l’approccio di sviluppo di giochi come servizio.

Quali lezioni hai appreso? E come ti aiuteranno nello sviluppo dei vostri prossimi progetti?

Le grandi lezioni non mancano mai perché non si smette mai di imparare; tuttavia, negli ultimi due anni, ho imparato molto di più di quanto abbia appreso nei miei anni precedenti nel settore; la fase di lancio di un gioco è molto complessa ed è per questo sono fortunata ad amare quello che faccio e a poter lavorare con persone straordinarie.

Una lezione più personale che ho imparato è che lavorare insieme ai diversi brand do Amazon Games con il supporto e il coinvolgimento dei team di sviluppo può essere davvero meraviglioso. Lanciare sul mercato nuovi giochi è un sforzo che richiede la partecipazione e l’impegno di tutto il team. Twitch e Prime Gaming sono strumenti preziosi che ci aiutano ad accrescere il coinvolgimento dei giocatori, conquistarne di nuovi ed espandere la nostra community, ma tutte le parti devono essere autentiche e integrate nel gioco per essere apprezzate dai clienti e dai creatori. Il lavoro congiunto di persone e team di valore unito alla possibilità di sfruttare le risorse e gli strumenti di alcuni dei brand più importanti del settore ci permettono di offrire ai giocatori il meglio di ciò che vogliono e come lo vogliono.

Ringraziamo Sarah Anderson per averci fornito uno sguardo prezioso sull’approccio al marketing di Amazon Games e su come collabora con gli sviluppatori e i partner, costruisce solide community e sviluppa contenuti coinvolgenti per i giocatori.